Italiano English

Google Knowledge Graph può essere un'aiuto per l'hotel?

by www.goowai.com su 20/05/2012 - 08:35

Categorie: Parliamo di turismo

Nato ufficialmente da pochi giorni sotto il nome Knowledge Graph, ma Google già da un pò di tempo si occupa di ricerca semantica.

Attualmente è possibile provarlo effettuando una ricerca all'interno di Google.com ma sicuramente presto lo vedremo anche in Italia.


Knowledge Graph è un sistema intelligente che ha la capacità di capire le entità del mondo reale e le loro relazioni. Amit Singhal, vicepresidente senior Google Engineering parla di entità e non parole chiave. Knowledge Graph, vuole essere il  grafo della conoscenza, ma la cosa più interessante che  costituisce il primo passo verso un’esperienza di ricerca online di nuova generazione, che andrà ad attingere all’intelligenza collettiva.

 

Google Knowledge Graph attualmente ha oltre 500 milioni di entità e più di 3 miliardi di eventi. 

 

 

Knowledge Graph non è soltanto un nuovo strumento, ma la nuova capacità di Google di lettura ed indicizzazione delle pagine di un sito web. Un motore di ricerca che suggerisce in modo autonomo risposte e contenuti pertinenti in funzione delle ricerca effettuata. Questo è molto semplice da spiegare, anche se dietro c'è un lavoro veramente incredibile. Questo significa che quando un  utente cerca ad esempio una città o un monumentosu Google, il motore di ricerca capirà da solo se state cercando informazioni anche su come visitare quel monumento o soltanto la storia di esso.

Knowledge Graph

Questo significa è necessario aumentare il livello di attenzione dei contenuti pubblicati sul web e in particolarmodo all'interno del sito web della nostra struttura.

Crediamo che non basti più avere un sito web dell'hotel con solo le classiche 5 pagine (chi siamo, l'hotel, dove siamo ecc.)

Google Knowledge Graph è una ricerca su misura di cose, persone, luoghi, città, film, musica, personaggi famosi, elementi, oggetti ... Il grafico della conoscenza vuole evidenziare all’utente una risposta più completa non tanto in base alle stringhe di ricerca, bensì sull’analisi di risorse online pubbliche. 

Fare la ricerca online a volte equivale a cercare un ago nel pagliaio, questo perchè i contenuti presenti sul web sono tantissimi, ecco perchè Google vuole semplificare la ricerca online, con uno strumento che possa aiutare l'utente. 

Il sogno di Jack Menzel, Product Management Director del Search presso Google è avere un  Web Semantico

E proprio di semantica applicata al turismo continueremo a parlare nei prossimi giorni.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo

Commenti