Chiesa di San Giacomo ad Acquedolci

acquedolci
chiesa

#1

La chiesa e hospitale di S. Giacomo, ubicata in località S. Filadelfo Marina, poi S. Fratello Marina e oggi Acquedolci, è documentata nel 1178, anno in cui fu donata all’abbazia di Maniace dall’arcivescovo Nicola di Messina. Da Acquedolci in epoca medievale passava la via Francigena (forse la Consolare Valeria, oggi strada ferrata) e i pellegrini si riposavano nei pressi delle locande e si recavano in preghiera, il 25 luglio di ogni anno, in una antica chiesa per venerare l’icona miracolosa di un santo e la Chiesa era proprio vicino ad una locanda. Nel 1987 sono stati eseguiti lavori di “restauro” che si sono limitati a ripulire e restituire alla loro originaria funzionalità altare, fonte battesimale, acquasantiera ed inferriate in ferro battuto (elementi di particolare rilevanza storico-artistica). Sull’architrave della porta d’ingresso è scolpito l’anno 1862, data di un precedente intervento. La Chiesa è della parrocchia e ospita una statua in legno del XVII secolo proveniente dalla cappella del Castello Cupane; donata alla parrocchia come statua di San Giuseppe era originariamente la statua di san Teodoro o di un altro eremita; dopo il recente restauro è definitivamente ritenuta di San Giacomo il Maggiore.

Altre informazioni:
Luogo: via generale Di Giorgio, Acquedolci
Coordinate GPS : LAT 38.058745233674486 LNG 14.595489319140597
Anno di realizzazione: XI secolo