Palio delle Corti a Ceprano

ceprano
14-ottobre-2018

#1

XXIII edizione della Rievocazione storica dell’incontro tra Manfredi di Svevia e Papa Innocenzo IV il 13 e 14 ottobre 2018 a Ceprano.

Rievocazione Storica Medievale Palio delle Corti a Ceprano

Dall’intuizione della Signora Gabriella Gizzi che già nella metà degli anni 80 aveva ideato un evento che portasse a conoscenza dei cepranesi e anche fuori della città un episodio avvenuto a Ceprano il 12 ottobre,1254 e destinato a cambiare le sorti dell’Italia e dell’Europa, cioè l’atto di sottomissione del principe Manfredi di Svevia nei confronti di Papa Innocenzo IV, atto che decretò, in effetti, la, consegna del potere temporale alla Chiesa.

Un avvenimento di grande importanza, avvenuto sul ponte sul fiume Liri e di cui dà notizia anche Dante nella Divina Commedia. Il progetto, che allora rimase nel cassetto, fu ripreso nel 1997 e realizzato dalla Pro loco che da allora, in collaborazione con Amministrazione comunale ed altre associazioni, lo gestisce.

Nei primi anni della realizzazione, si diede particolare risalto al fatto storico, curando i due cortei con particolare attenzione e concentrando l’evento nella giornata di domenica la seconda di ottobre. Ma, piano piano, il successo sempre crescente della Manifestazione, ha portato ad un suo arricchimento. All’interno della Rievocazione si formarono altri gruppi, quello degli Arcieri, dei Templari, del Centro Studi, Manfrediani, ed il Presidente della Pro loco Gianfranco Treppiccioni che per circa 20 anni ha curato la regia dell’evento, ebbe l’idea di affiancare, alla Rievocazione storica vera e propria, la disputa di un Palio, da contendersi fra le due fazioni papalina ed imperiale, una sorta di contesa che, anno per anno, decreta il vincitore. Il Palio fu disputato nelle prime edizioni, con una dama vivente, oggi viene disputato con una gara di tiro con l’arco a cura degli Arcieri storici che, come i templari, pian piano si sono costituiti in Associazioni lanciate ormai nel panorama nazionale.

L’evento, inoltre, si è arricchito della partecipazione di sbandieratori, giocolieri, artisti di strada, falconieri e gruppi di figuranti di altri paesi, oltre che dell’allestimento di un mercatino medievale e del coinvolgimento dell’intero paese. Quest’anno si pensa di dare una svolta, l’attuale presidente della Pro loco Mario Riccardi punta sui giovani che verranno coinvolti soprattutto nella giornata di domenica 14 ottobre.

La Rievocazione storica ci sarà nella, giornata di sabato, con la regia di Franco Palombi e Simone Ignagni. Si ripeterà lo storico incontro tra il principe e di il pontefice, i cortei si incontreranno ciascuno con il proprio seguito, la piazza si animerà di figuranti, il paese si tufferà nell’atmosfera del medioevo e sarà animata da mercatini, giocolieri, musiche e balli, con la gara degli Arcieri, per concludersi con l’uccisione del traditore Borrello. La serata prevede un allettante percorso enogastronomico con piatti d’epoca.

Nella giornata di domenica spazio al divertimento, con le squadre che si sfideranno in giochi popolari, animazione varia per arrivare alla conclusione, con la battaglia di Benevento, l’uccisione e la sepoltura di Manfredi e lo spettacolare lancio delle frecce incendiarie nel fiume.

Ulteriori informazioni sul sito della proloco : http://www.prolococeprano.it/