Reitano e la sua storia

nebrodi

#1

Reitano è un piccolo paese di collina posizionato tra Mistretta e Santo Stefano di Camastra a 450 metri sul livello del mare.
Il nome di Reitano probabilmente deriva dalle origine arabe e fa pensare al nome di “Rahal” parola araba del significato “luogo di riposo”.

Il passato di Reitano deve essere studiato nell’ambito di Mistretta da cui egli apparteneva, questo piccolo feudo appartenuto a Mistretta venne acquistato nel 1639 da Francesco Colonna al prezzo di 8600 onze di oro, un censimento fatto nel 1652 annotava: 267 case e 905 abitanti; un territorio di 548,401 salme, delle quali 5.000 in giardini, 6.722 in orti, 3.802 in canneti, 86300 in pascoli.

Nel 1868 il Comune di Santo Stefano di Camastra e il Comune di Reitano decisero di allearsi per una controversia giuridica contro il Comune di Mistretta per la posizione delle terre, questa causa durò svariati anni e si concluse con la sconfitta del Comune di Mistretta.
La popolazione era basata in prevalenza contadini, pastori, braccianti e piccoli artigiani.

Reitano offre ai suoi visitatori alcune edicole votive ubicate nel territorio (di molte altre non è rimasta purtroppo traccia) e alcune abitazioni storiche.
In origine il paese sorgeva nei pressi della Chiesa del Carmine, la più antica Chiesa dove faceva parte un monastero dei Carmelitani, luogo di culto e molta devozione, infatti nel giorno della Madonna del Carmelo, tutta la popolazione scendeva in Chiesa per la benedizione degli “ Scapolari” formati da due pezzi di stoffa di lana bruna unite da due corde, che contenevano medaglie e immagini benedette.